Prossima edizione:

Domenica, 9 Giugno 2013

Comunicato stampa gennaio 2013

INTERNATIONAL SKYRACE VALMALENCO VALPOSCHIAVO 2014

“La Sky sugli antichi sentieri dei contrabbandieri si prende un anno sabbatico”

 

La prestigiosa kermesse italo svizzera disegnata sui sentieri percorsi un tempo dai contrabbandieri il prossimo anno non si correrà. Dopo alcune edizioni su percorso alternativo causa condizioni meteo sfavorevole e vista una crisi finanziaria prolungata che di riflesso si fa sentire anche sul “mondo  gare”, il comitato organizzatore orfano del presidente Moreno Raselli, ha preferito prendersi un anno sabbatico per decidere il futuro della gara: «Gli impegni professionali mi impediscono di garantire il contributo necessario in termini di tempo affinché la gara possa essere organizzata mantenendo lo standard che l'ha resa famosa a livello internazionale – ha dichiarato quest’ultimo -. Sulla mia decisione ha pure pesato la delusione per il gravoso taglio del sostegno finanziario da parte del Cantone dei Grigioni. Cosa che, a medio termine, rappresenterà una vera e propria spada di Damocle. Per un evento che nel corso degli anni è divenuto un vero e proprio simbolo sia per la Valposchiavo che per la vicina Valmalenco».

 

Da qui, la decisone sofferta, ma unanime,  di prendersi una piccola pausa di riflessione: «La SkyRace si fermerà per un anno  per motivi di natura organizzativa e finanziaria – ha continuato Raselli -. I comitati dei due versanti, svizzero e italiano, hanno però già individuato possibili soluzioni che renderanno la Valmalenco - Valposchiavo ancora più bella e spettacolare. Ciò, a condizione di riuscire a risolvere il serio problema di budget insorto a causa del decurtamento del fondamentale contributo fin qui garantito da Graubünden Sport».

 

Al fianco di un gruppo che nl corso dell’ultimo decennio ha portato questa gara ad essere una delle più belle e blasonate del Vecchio Continente vi sono istituzioni locali e sponsor privati che hanno da subito hanno colto le potenzialità turistico – sportive dell’evento: «Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare pubblicamente le istituzioni locali e main sponsor come Repower e Banche Raiffeisen. Grazie a loro ha potuto crescere ed affermarsi sino a diventare una delle tappe obbligate per grandi campioni e semplici amatori. Un grazie va anche a La Sportiva e a Gore-Tex con l'augurio che il circuito da loro ideato, pur se orfano per un anno della nostra competizione, possa crescere ulteriormente». 

 

Una menzione d’obbligo, Raselli, l’ha voluto fare ai volontari; da sempre cuore pulsante di questa kermesse transfrontaliera: «Un grande grazie va ai volontari che con impegno, passione  e dedizione si sono dati da fare sia sul fronte italiano, sia su quello svizzero.  Il comitato organizzatore farà tutto il possibile affinché il loro grande impegno venga onorato anche in futuro». 

 

Maurizio Torri, Addetto Stampa SkyRace Valmalenco-Valposchiavo

Classifiche 2013

Classifica SR 31 km (percorso alternativo)  >>>>

Classifica SR 16 km  >>>>

Classifica SR 16 km U20  >>>>

Video della SkyRace Valmalenco-Valposchiavo edizione 2013

7° comunicato stampa

“Si guarda al futuro con la consapevolezza di potere tornare grande tra le grandi”

Lunga vita alla Valmalenco Valposchiavo. Nonostante le difficoltà di un meteo che ancora una volta ha impedito il regolare svolgimento della manifestazione sul percorso originale da 31km con salita sul fronte malenco e attraversamento del valico di Passo Campagneda, domenica la kermesse italo svizzera ha dimostrato di avere le credenziali e il livello organizzativo per tornare ad essere la numero 1.

Ciò che serve ora è solo un po’ di sole e di fortuna: «La bellezza della manifestazione  è universalmente riconosciuta e le istituzioni che rappresentiamo si impegneranno anche in futuro per sostenere il lavoro encomiabile di questi volontari – hanno dichiarato all’unisono il podestà di Poschiavo Alessandro Della Vedova e il sindaco di Lanzada Marco Negrini -. Da parte nostra massima disponibilità. Dispiace che per il secondo anno di fila si sia dovuto ricorrere al percorso ridotto, ma le previsioni meteo si sono rivelate esatte; come esatta è stata la scelta del comitato organizzatore di privilegiare la sicurezza degli atleti».

Un plauso al lavoro svolto dagli uomini della Sportiva Lanzada e da quelli della Palù di Poschiavo è arrivato anche dall’assessore allo Sport di Regione Lombardia Antonio Rossi:«Già è difficile correre 26km in piano, immaginare di farlo su sentieri viscidi, rocce e magari anche sotto la neve, mi fa apprezzare ancora di più la prestazione di questi atleti e giustifica il fascino della Valmalenco-Poschiavo. Incredibile poi il grande lavoro che si svolge dietro le quinte per organizzare una competizione di questo livello, con l'incognita del meteo che rischia di mandare tutto in fumo. A questo proposito ci tengo a sottolineare il lavoro de i volontari di Lanzada, che hanno passato la giornata precedente la gara a scalinare il nevaio che porta al valico. Purtroppo la nebbia e il maltempo in quota hanno reso inutile la loro fatica».

Anche il presidente del comitato organizzatore Moreno Raselli ha più volte elogiato lo sforzo compiuto dai ragazzi del presidente Maurizio Masa: «Non ci sono parole per esprimere il grazie che ho nel cuore per quanto avete fatto fino a qui e che sono certo farete nei prossimi anni per fare in modo che la nostra competizione resti, oltre ad una gara di grande richiamo dal profilo sportivo,  un importante momento di aggregazione tra la Valmalenco e la Valposchiavo. Domenica a Lanzada sui volti segnati dalla fatica e dal sole di persone che per giorni hanno lavorato alacremente ho letto delusione, ma al tempo stesso fierezza per quanto fatto e qui e là comprensione per una decisione difficile da prendere. Da qui dobbiamo ripartire».

 

Maurizio Torri, Addetto Stampa SkyRace Valmalenco-Valposchiavo

 

 

 

 

Servizio fotografico SkyRace 2013

Le foto della propria gara si possono visionare e scaricare GRATIS direttamente sul sito www.pantacolor.it

Oggetti smarriti

Gli oggetti smarriti si possono ritirare presso l'Ente Turistico Valposchiavo, a Poschiavo.

Comunicato gara 09.06.2013

“A sprazzi sotto la pioggia, ma comunque una delle gare più belle a livello continentale”

Un’organizzazione impeccabile, due tracciati promossi a pieni voti e un livello concorrenti sempre altissimo hanno determinato il successo della International SkyRace Valmalenco – Valposchiavo 2013. Nella “bombonera” di Plaza da Cumün il numeroso pubblico presente ha salutato i successi del fenomeno colombiano Antonio Padua e della trevigiana Silvia Serafini. Dominatori della Mini SkyRace sono invece stati  il colombiano Victor Cortes e la giovane azzurra di skialp Giulia Compagnoni. Nonostante la tanto annunciata pioggia abbia cercato di ostacolare in tutti i modi l’eccellente lavoro svolto dai numerosi volontari di Sportiva Lanzada e Sportiva Palù, la terza tappa del La Sportiva Gore-Tex Mountain Running Cup si è rivelata un grande, grandissimo successo con 335 concorrenti ai nastri di partenza.

 

Non effettuare il tracciato integrale da 31km, con partenza dal borgo malenco e transito al GPM di Passo Campagneda; passo contraddistinto da un suggestivo nevaio che precede la lunga picchiata verso il traguardo, non è stata scelta facile. Più e più volte Moreno Raselli e il suo staff si sono confrontatati sul da farsi, ma alla fine la decisione di dare credito alle previsioni e privilegiare la sicurezza degli atleti si è rivelata vincente e condivisa.   

 

LA CRONACA: Qui terzo lo scorso anno, il ventunenne figlio d’arte colombiano si era presentato ai nastri di partenza con un preciso obiettivo: entrare nella storia di questo sport aggiudicandosi una delle competizioni più ambite e prestigiose a livello continentale. Compito non facile, vista la presenza di agguerriti avversari e una tracciato che, sebbene di riserva, si sviluppava  su 26Km con 3200m di dislivello totale. Pronti via e, a dare fuoco alle polveri ci ha provato  l’alfiere del Team Crazy Idea Fabio Bazzana. Dopo pochi minuti Antonio Padua ha però preso il comando portandosi in scia il campione italiano Tadei Pivk e l’ex crociato del fondo Gion-Andrea Bundi.  Sulle loro tracce inseguitori di tutto rispetto come Regazzoni, Lopez Castan, Bert, Bazzana, …

 

Con il passare dei chilometri le posizioni di testa non sono cambiate se non per un tentativo di attacco del friulano Tadei Pivk sulla prima discesa. Ristabilite le gerarchie, Antonio Padua ha di nuovo attaccato per poi presentarsi in solitaria al traguardo in 2h07’29”. Sul podio con lui Tadei Pivk  - 2h08’22” – e Gion-Andrea Bundi – 2h13’45”-. Menzione d’obbligo nella top ten di giornata anche per Andrea Regazzoni 4°,  David Lopez Castan 5°, Fabio Bazzana 6°, Adell Cristobal 7°, Paolo Bert 8°, Mikhail Mamleev 9° e Gyorgy Szabolcs 10°.

 

Subito delineate le posizioni nella gara in rosa con la favorita Silvia Serafini tallonata dalle Valetudo Emanuela Brizio e Silvia Cardone. Al traguardo la trevigiana del Team Salomon ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro di questa prestigiosa gara fermando il crono sul tempo di 2h39’45”. Alle sue spalle una mai doma Brizio -2h41’01”- e una Cardone un grande spolvero -2h41’30”-. Giù dal podio, ma molto bene anche Raffaella Rossi 4ª e Chiara Gianola 5ª.

 

MINISKYRACE:  Vecchie glorie e giovani campioni al via del circuito da 16km (1100 /-) che di fatto ricalcava l’anello percorso due volte dai 265 skyrunner della gara lunga. Qui a dettare i tempi dopo le schermaglie iniziali sono state un aficionados della Valmalenco – Valposchiavo come il messicano Vicort Cortes e la giovane promessa dello skialp azzurro Giulia Compagnoni. Il primo, ha vinto e siglato il nuovo miglior tempo del tracciato passando sotto lo striscione in 1h17’55”. Argento di giornata sulle spalle del ceco Martin Berka – 1h22’06”- e il bronzo su quelle del talentuoso svizzero Micha Stainer – 1h23’26”-. Nell’ordine sono poi sfilati in mezzo alla torcida di Plaza da Cumün Saul Padua (padre del giovane Antonio, vincitore della gara lunga), Roberto De Lorenzi, Radim Berka, Stefano Rossatti, il campioncino di casa Moreno Zanetti, Salah Cinaur e Davide Greppi. Al femminile, bella conferma della diciassettenne di Valfurva Giulia Compagnoni che lasciati sci e pelli di foca ha dimostrato di ottenere eccellenti responsi anche con le scarpette da trail running. Per lei finish time di 1h46’13” che le ha permesso di mettere dietro la svizzera Monika Schneebeli -1h59’35”- e la bormina Lucia Pianta – 2h04’00”-.

 

Maurizio Torri, Addetto Stampa SkyRace Valmalenco-Valposchiavo

 

tracciato della gara per Garmin

http://connect.garmin.com/player/321112583

 

La Sportiva Gore-Tex Mountain Running Cup 2° edizione

La Skyrace Internazionale Valmalenco-Valposchiavo è valida come 3a prova del circuito La Sportiva Gore-Tex Mountain Running Cup. Il circuito 2013, alla sua 2° edizione, comprendente le migliori gare sky/trail running d'Italia e... Spagna!

 

http://www.lasportiva.com/news_approfondimento.html?&tx_ttnews%5Btt_news%5D=2309&cHash=a32c74a6db6b8c82e1a2e148fb8a7492

 




Main partner



Co-sponsor